[ICMA] “Volevo tranquillizzarti.”

Non c’è nulla di più preoccupante di una persona che ti dice di non preoccuparti.

«Ciao Daniele, come va?»

– A me bene, non ho vostre notizie da un po’… –

«Si, infatti io ti chiamo perché volevo tranquillizzarti.»

– Non è necessario tranquillizzarmi, sono una persona abbastanza tranquilla in genere. –

«A me avevano detto che eri preoccupato, invece.»

– No, devo essermi espresso male, forse. Non sono preoccupato, ho semplicemente deciso di non sprecare altro tempo con voi. –

«Allora lo vedi che sei preoccupato?»

– No, non ci siamo capiti, non sono preoccupato, ho capito che avete intenzione di perdere tempo e io ne ho poco. –

«Noooo, che perdere tempo, dai tranquillizzati e finiamo il sito, forza.»

– Avete firmato il contratto che vi ho fatto avere? –

«No.»

– Avete versato l’anticipo che vi ho chiesto? –

«No.»

– Allora il lavoro non può andare avanti, inoltre sono passati già tre mesi da quando vi ho portato queste carte e se aveste voluto avreste già firmato. –

«Ma che sei preoccupato che non ti paghiamo?»

– Non sono preoccupato, di fronte all’ignoto uno si preoccupa, io invece ho la certezza che non avete intenzione di pagarmi. –

«Noooo, ma che dici? Domani mattina vieni qua e parliamo un po’ così ti tranquillizzi.»

– Click! Tu tu tu tu…. –

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.