Adobe acquisisce Nitobi e Typekit

La prima giornata di Adobe MAX 2011 è stata accompagnata da una serie di rivelazioni degne di nota. Sempre più proiettata verso gli standard, Adobe ha annunciato l’acquisizione di due importanti componenti, ma non ha dimenticato Flash.

PhoneGap

Non serve essere sviluppatori di Apps per apprezzare questo prodotto e sono sicuro che moltissimi di voi lo hanno già utilizzato… di cosa si tratta?

PhoneGap è un framework open-source per la pubblicazione di applicazioni su qualsiasi dispositivo mobile. Ad oggi sono supportati Apple iOS, Google Android, HP webOS, Microsoft Windows Mobile, Nokia Symbian OS, RIM BlackBerry e Samsung Bada.

Il meccanismo è molto semplice: si sviluppa una applicazione in HTML5, con CSS e JavaScript, e poi la si compila per distribuirla come se fosse una App nativa per il nostro smartphone preferito. Adesso che PhoneGap è stato acquisito da Adobe è prevedibile che sarà interamente integrato nelle prossime versioni di DreamWeaver e nella versione definitiva di Edge.

Questa acquisizione non significa che PhoneGap smette di essere open-source, Adobe ha infatti donato il progetto alla Apache Software Foundation, come dice il fondatore di Nitobi sul suo Blog, non è su questo che Adobe basa il suo business, ma su Strumenti, Servizi e Soluzioni.

TypeKit

La seconda importante acquisizione annunciata da Adobe riguarda TypeKit, un importante servizio di web-font a pagamento, già integrato all’interno della famiglia di applicazioni per Tablet di cui vi ho parlato ieri.

Una scelta obbligata, forse, per realizzare e regolamentare il supporto dei font all’interno delle Applicazioni Touch e del nuovo sistema Creative Cloud, vedremo più avanti come ci si dovrà comportare quando si utilizzano font di cui si è già acquisita licenza.

…e Flash?

Adobe ha anche annunciato il rilascio di AIR 3 e di Flash Player 11, con una dimostrazione che toglie ogni dubbio sulle potenzialità di questa tecnologia:

httpv://www.youtube.com/watch?v=lkoBcA_hDf4

Con il supporto per i sistemi a 64 bit, l’accelerazione hardware e la possibilità di compilare App per i moderni Tablet e Smartphone non ho dubbi che ActionScript rimarrà lo strumento di sviluppo preferito da molti, per molto tempo ancora…

Voi cosa ne pensate?

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.