Ma quanto sei caro?

Stamattina il Corriere si è accorto di quante tasse pago io.

Vedo la gente che condivide e commenta un articolo che dice cose che chi non è iscritto a un albo ma ha partita IVA già sa: il 68% di ciò che incasso va via in imposte.

L’articolo sul Corriere.it

Se ci è voluto un articolo del Corriere per attirare la vostra attenzione su questa tragedia è chiaro che non siete bravi ad ascoltare, per questo motivo ho deciso che questa volta ve lo spiego con dei disegnini…

Che percentuale dei soldi del cliente mi rimane in tasca?

Il cliente mi chiede un lavoro, per il quale sborsa una cifra di tutto rispetto, diciamo 1000 euri. Io realizzo quello che il cliente mi ha chiesto e mi metto in tasca 320 euri. Questa è più o meno la percentuale:

1000 euri diventano 320 euri

1000 euri diventano 320 euri

Se fosse un computer…

Non vi trovate con i soldi? Proviamo così: Il cliente mi da un MacBook Air e io mi metto in tasca un Acer Aspire One.

Un MacBook Air diventa un Acer Aspire

Un MacBook Air diventa un Acer Aspire

Ecco, il cliente ha risparmiato abbastanza soldi per comprarsi un MacBook Air (il più economico della serie) e li da a me, cosa posso comprare io? Un Acer Aspire One con uno schermo da 10 pollici che tra un po’ è più piccolo del vostro smartphone.

Se fosse una borsa…

Non vi intendete di computer? Proviamo con gli accessori: Il cliente mi da una borsa di Jill Sander e io porto a casa una shopping bag di Collection Privée.

Jill Sander diventa Collection Privée

Jill Sander diventa Collection Privée

Non sono la persona più adatta a paragonare questi due prodotto, per me è già strano aver trovato una borsa che costa 1.000 euri (ma ce ne sono anche molto più care). Ad ogni modo il mio cliente avrebbe potuto acquistare una borsa costosa e firmata, ma ha preferito dare a me quei soldi e io potrò comprare una sacca da mare.

Se fosse un elettrodomestico…

Un condizionatore d’aria LG inverter diventa un tostapane KitchenAid.

Un condizionatore inverter LG diventa un tostapane

Un condizionatore inverter LG diventa un tostapane

Il più costoso condizionatore d’aria che ho trovato non arriva a 1.000 euri, ma fa ugualmente impressione vederlo paragonato ad un tostapane.

Non siete ancora soddisfatti? La differenza non vi sembra molta? Proviamo ad alzare il budget, andiamo a Hollywood…

Se fosse un film…

Se si dovesse rinunciare al 68% della cifra investita nella realizzazione di un film, Avatar sarebbe l’Ispettore Gadget The Movie.

Avatar sarebbe l'Ispettore Gadget

Avatar sarebbe l’Ispettore Gadget

Questa è la differenza tra quanto spende il cliente di un lavoratore autonomo e quanto incassa quest’ultimo. È per questo che alla fine diciamo che 1.000 euri sono pochi.

Sono pochi per realizzare un sito web, sono pochi per creare un marchio, sono pochi per illustrare un libro, per tradurre un romanzo, per restaurare un mobile.

NB: Le cifre riportate sotto ogni illustrazione le ho reperite in rete oggi, 3 Settembre 2013, e non sono responsabile per eventuali variazioni. Per il budget dei film la fonte è IMDB, per tutto il resto Ciao.it o Amazon… se volete contestare le cifre cercatevele.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.