Premi “Invio” per saltare al contenuto

Tag: SIAE

SIAE colpisce ancora.

In questi giorni la SIAE ha avuto il coraggio di chiedere del denaro ad alcuni siti che pubblicano trailer cinematografici, anche se presi da YouTube.

Si tratta di un pizzo di 1800 euro annui per poter pubblicare non più di 30 filmati contemporaneamente.

Questa è la mia risposta: il filmato che segue è il primo risultato disponibile su YouTube cercando trailer… è addirittura un risultato sponsorizzato, significa che l’utente che l’ha messo online ha sborsato del denaro per apparire primo tra i risultati di ricerca, affinché venga visualizzato dal maggior numero possibile di utenti.

httpv://www.youtube.com/watch?v=wYkfdFJLDRw

Il video è stato caricato su YouTube da FILMAUROsrl, che distribuisce il film in Italia e ha tutto l’interesse che il trailer venga visto da un gran numero di persone, e spera che molti di voi vadano al cinema. Se il titolare dei diritti su questo breve filmato vorrà impedirmi di pubblicarlo potrà in qualunque momento impostare un filtro che ne impedisca l’incorporamento, o contattarmi personalmente, se non lo farà vorrà dire che non ha nulla in contrario.

Gli strumenti ci sono, inutile continuare a far finta che chiunque di noi sia un ladro e SIAE stia soltanto provando a far rispettare le regole, perché questo è falso.

Spargete la voce.

loading spinner
1 Commento

SIAE: dieci domande imbarazzanti.

Sono certo che avete già sentito parlare della famigerata Delibera AGCOM, e delle polemiche che ne hanno accompagnato la pubblicazione.

Sebbene io abbia un’idea precisa dei danni (superiori ai benefici) che questo regolamento potrebbe causare a tutti noi, ho deciso di non intervenire sulla questione, lasciando lavorare chi di Legge se ne intende.

Questa mi sembra la condotta migliore: ognuno faccia quello che sa fare e che gli compete. Questo è un invito per tutti, anche per AGCOM e SIAE.

Il motivo per cui oggi sono costretto a parlare di questa cosa è che la SIAE ha posto 10 provocatorie domande al “popolo della rete”. Dieci domande imbarazzanti, non perché sia difficile rispondere, ma perché dalla maniera in cui sono state formulate mi è chiaro che non esiste da parte della SIAE una reale apertura al dialogo, piuttosto un’accusa a tutti quelli che in questi giorni hanno espresso perplessità sul testo, che in più di un punto vengono accostati a chi ruba. Ecco le mie dieci risposte…

loading spinner
13 Commenti